Pannelli solari e fotovoltaici

Ricavare energia elettrica dai raggi del sole è innanzitutto un modo per rendersi autonomi dalla rete di distribuzione ordinaria, realizzando così un risparmio tanto più consistente, quanto maggiore è il proprio fabbisogno giornaliero ( ad esempio, i risparmi che uno stabilimento produttivo o un’azienda agricola possono ricavare da un impianto fotovoltaico sono proporzionalmente molto superiori a quelli ottenibili da una singola abitazione ): naturalmente, è necessario, a tal fine, installare un impianto di dimensioni adeguate, che può andare da alcuni pannelli singoli posizionati sul tetto fino ad una vera e propria stazione fotovoltaica.

Impianti per l'energia rinnovabile

E tuttavia, al di là del risparmio economico, lo sfruttamento dell’energia solare, così come quello delle altre energie rinnovabili, rappresenta un modo per rendere presente il futuro, superando una dimensione di consumo energetico dannosa per l’ambiente e destinata comunque a finire presto o tardi che sia.

Le rinnovabili: una realtà concreta

MG Impianti è un’azienda di Finale Ligure, in provincia di Savona, la cui attività è già proiettata verso un futuro in cui le energie rinnovabili saranno una realtà concreta per tutti: installa infatti pannelli solari fotovoltaici nonché pannelli solari termici per il riscaldamento dell’acqua e degli ambienti.

 

Si occupa anche di minieolico, per fabbisogni di privati o aziende. È attiva anche in provincia di Imperia.

Pannelli fotovoltaici

L'energia solare è una risorsa pulita e rinnovabile, indispensabile per la vita sulla terra.

 

Attraverso l'uso dei pannelli fotovoltaici possiamo produrre energia elettrica. Come funziona un pannello fotovoltaico? Alcuni materiali come il silicio possono produrre energia elettrica se irradiati dalla luce solare. Una caratteristica fisica che ha consentito negli anni '50 la realizzazione della prima cella fotovoltaica della storia. Lo stesso nome "fotovoltaico" esprime in sè tutto il significato della scoperta, "foto" deriva da "luce", "voltaico" deriva da Alessandro Volta, inventore della batteria. Le celle fotovoltaiche collegate tra loro formano un "modulo", un insieme di moduli compone il pannello solare fotovoltaico da installare sui tetti, terreni o terrazzi, ovunque ci sia un diretto dei raggi solari.

 

Grazie poi agli incentivi attuali del GSE erogati per vent'anni contenuti nel CONTO ENERGIA e grazie all'utilizzo di una forma di contratto denominata SCAMBIO SUL POSTO dell'energia prodotta, al giorno d'oggi installare un impianto fotovoltaico e' da considerare un investimento a tutti gli effetti!!

 

L'energia prodotta con i pannelli fotovoltaici, viene conteggiata e ripagata dal conto energia, a prescindere dai consumi effettivi della stessa. Inoltre, la stessa energia puo' venire consumata per i propri fabbisogni. Gli eccessi di produzione, saranno trasferiti alla rete elettrica, e diventeranno un bonus sui consumi dalla rete per il periodo successivo alla produzione.

 

A seconda della grandezza dell'impianto e del livello di integrazione vi sono tre diverse fasce incentivanti, parlando di conto energia, e vanno comunque da un minimo di 0,353 €/kW ad un massimo di 0,48 €/kW.

Impianto pannelli fotovoltaici

Nella gallery sottostante potrete visualizzare la realizzazione di un impianto completo con pannelli fotovoltaici, sia all'interno che all'esterno della casa


Collettori solari

Componente fondamentale di questo tipo di impianti e' il collettore solare.

 

Orientandolo nella giusta posizione ed inclinazione ed esponendolo preferibilmente verso sud, consente di convertire l'energia solare in calore, creando un notevole risparmio dell'energia che verrebbe impiegata per lo stesso scopo (che sia elettrica, gas o altro), o addirittura nei periodi estivi e nelle giornate di sole pieno di "soppiantare" del tutto il consumo di energia normalmente usata (e pagata!) per lo stesso scopo.

 

SOLARE PER ACQUA CALDA SANITARIA

L'impianto solare per acqua calda sanitaria (ACS) è l'impianto più semplice. Oltre a rifornire di acqua calda la rete idrica di casa (doccia o rubinetti del bagno e della cucina), dotandosi di elettrodomestici muniti di attacco separato per acqua calda e fredda, puo' sopperire all'ingente consumo di lavatrici e lavastoviglie.

 

L'impianto e' sempre integrato con la caldaia convenzionale (ovviamente dove gia' presente), di modo che in caso l'acqua proveniente dal collettore solare non fosse sufficientemente calda, la caldaia convenzionale va ad intervenire automaticamente. Inoltre anche in inverno ed in giornate poco soleggiate, il preriscaldamento dell'acqua tramite pannelli solari, consente un risparmio dovuto al minor tempo di accensione della caldaia (e nei mesi primaverili ed estivi, del suo completo spegnimento!)

 

SOLARE PER RISCALDAMENTO PISCINE

Grazie all'uso di scambiatori di calore integrati nel sistema di filtraggio, i collettori solari sono in grado di poter riscaldare le piscine a costo zero.

 

SOLARE PER RISCALDAMENTO AMBIENTI

Un impianto di questo tipo, spesso noto come "impianto combinato", permette di produrre acqua calda sia per uso sanitario sia per il riscaldamento degli ambienti. Esso è composto, generalmente, da un insieme di pannelli solari, una caldaia tradizionale, un boiler per ACS ed un accumulatore. Il sistema è poi regolato da una centralina di smistamento e controllo.

Il principale errore di progettazione nei sistemi di riscaldamento convenzionale risiede appunto nel vasto uso dei radiatori (termosifoni) che richiedono, per il loro funzionamento, acqua molto calda, con conseguente maggior consumo energetico per riscaldare la stessa.

 

L'impianto di riscaldamento degli ambienti che meglio si sposa con il sistema solare termico è quello a pannelli radianti a pavimento. Tale sistema richiede, infatti, acqua a bassa temperatura (28÷38 °C) e ciò permette di sfruttare al meglio i pannelli solari, che, a basse temperature, funzionano con efficienza molto elevata, e di utilizzare generatori di calore a basso consumo, quali pompe di calore e caldaie a condensazione.

 

Inoltre permettono di conservare il calore, grazie alla loro particolare posizione, che li vede affogati nel blocco pavimento, consentendo quindi di avere un ridottissimo raffreddamento anche dopo diverse ore di spegnimento dell'impianto. Il sistema a pannelli radianti, inoltre, è estremamente flessibile e può essere facilmente accoppiato a qualsiasi tipo di generatore termico domestico (caldaia a condensazione, pompa di calore, termocamino, caldaia a legna, ecc).

Tipi di collettori

 

La serie dei collettori CCF è costituita da collettori solari a tubi sottovuoto Heat Pipe.

 

Abbinati (all'interno del sistema di cui devono far parte) a termoaccumuli /bollitori ad intercapedine/ volani termici, una pompa di circolazione ed una centralina di controllo. I CCF offrono eccezionali caratteristiche di resa e modularità. Ideali per qualsiasi esigenza di dimensionamento, grazie alla facilità di collegamento in serie e/o in parallelo, garantiscono una incredibile semplificazione di trasporto e montaggio. Questo collettore è stato progettato per rivoluzionare il concetto di installazione a tetto inclinato, piano o in parete verticale.. Questa serie è stata progettata appositamente per essere utilizzata come integrazione in impianti di riscaldamento.

 

CNI: la serie dei collettori CNI è costituita da collettori solari a tubi sottovuoto Heat Pipe, ma che alimentano direttamente l'accumulo posto alla sommità degli stessi con acqua proveniente dalla linea idrica.

Con questo sistema si dispone di un quantitativo immediato (150 Lt. - 200 Lt. - 250 Lt.) di acqua calda sanitaria ad elevata temperatura, con tutta la straordinaria efficienza dovuta all'utilizzo.

 

CNS: la serie dei collettori CNS è costituita da collettori solari a tubi sottovuoto a circolazione naturale con scambiatore a serpentino, posto all'interno dell'accumulo sulla sommità dei collettori stessi.

Sono costituiti da un circuito primario a pressione atmosferica (Boiler in acciaio inox a vaso aperto) e da un circuito secondario a serpentino in rame. I due circuiti così progettati, garantiscono un utilizzo d'acqua calda sanitaria, a temperature di 37/40°C per un arco temporale eccezionalmente lungo.


 

La tecnologia HEAT PIPE

Il tubo sottovuoto con sistema Heat Pipe, adottato nei collettori CCF e CNS, è in assoluto la tecnologia a maggiore efficienza. Il funzionamento di questo tubo sfrutta il principio fisico del calore entalpico di evaporazione e condensazione del fluido vettore, processo che all'interno degli stessi avviene già straordinariamente alla temperatura del fluido vettore di 25 gradi (il calore al'interno del tubo stesso supera di molto i 100 gradi). Il calore viene poi trasferito dal circuito primario con cui scambia direttamente, all'accumulo all'interno del bollitore associato al collettore e collegato al circuito secondario e al resto dell'impianto.

 

Il tubo Heat Pipe inoltre, garantisce oltre ad una straordinaria efficienza, anche una facilità di installazione e/o sostituzione in caso di rottura. Il singolo tubo è un captatore di calore indipendente, pertanto in caso di anomalia di uno di questi, non verrà compromessa l'efficienza del sistema, e la sostituzione avverrà in pochi minuti senza la necessità di svuotamento e fermo impianto. Klimeko garantisce questi tubi Heat Pipe per 20 anni contro rotture accidentali o eventi atmosferici, grazie ad una forma assicurativa.

Share by: